.
Annunci online

aprigliocchisenonbasta

Bestie da voto

diario 16/4/2009

"Siete bestie da voto.

Il vostro cuore non ci interessa.
Il vostro pensiero non ci interessa.
Il vostro destino non ci interessa.
La vostra stessa vita: non ci interessa.

Siete vuote percentuali,
le pecore che contiamo prima di addormentarci,
le biglie del nostro immenso pallottoliere,
i mattoni dei nostri palazzi,
le stellette sulle nostre divise di condottieri.

Non ci interessa di voi,
per un semplice,banalissimo motivo:
Noi non siamo voi.

E se non fosse chiaro, ve lo ripetiamo una volta per tutte:
Noi siamo Noi e voi non siete un cazzo.
"

Peccato che il mondo stia cambiando, bellezze.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. politica voto elezioni bertolaso

permalink | inviato da Cesare Lazzini il 16/4/2009 alle 18:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

Alitalia e il primo assioma della comunicazione

diario 27/8/2008

Non entro nel merito politico - economico della questione, non avendo le sufficienti conoscenze per presentare un'analisi obiettiva della situazione.
Mi limito a qualche considerazione personale.

Alitalia: "Escono con la bocca cucita dopo oltre tre ore di incontro"

I politici e gli imprenditori dovrebbero forse dare una sfogliata alla "Pragmatica della comunicazione umana" di Paul Watzlawick. Troverebbero che il primo assioma recita:

1) Non si può non comunicare 

  • Non esiste qualcosa che sia un non-comportamento o, per dirla più semplicemente, non è possibile non avere un comportamento. Ora, se si accetta che l’intero comportamento, in una situazione di interazione, ha valore di messaggio, vale a dire è comunicazione, ne consegue che, comunque ci si sforzi, non si può non comunicare.
  • L’attività o l’inattività, le parole o il silenzio hanno tutti valore di messaggio: influenzano gli altri; e gli altri a loro volta non possono non rispondere a queste comunicazioni e in tal modo comunicano anche loro.
Ieri leggevo (fonte: Reuters):

"Questa mattina si sono incontrati a Palazzo Chigi i ministri interessati, convocati dal sottosegretario Gianni Letta, e hanno dovuto prendere atto che non c'è ancora una procedura definita per consentire il salvataggio di Alitalia. Questo è stato riferito a Reuters da una fonte ministeriale che anche ha espresso dubbi sul fatto che il Cdm di giovedì 28 sia in grado di prendere una decisione.

LA DOPPIA OPZIONE

Due sono le opzioni. Una prevede la modifica della legge Marzano, con l'affidamento della società a un commissario, che la spacchetterebbe avviando al fallimento la bad company e affidando alla cordata la parte sana di Alitalia.

La seconda invece comporta che il cda di Alitalia deliberi la creazione della nuova società affidando la liquidazione della bad company a Fintecna, interamente controllata dal Tesoro.

Agli attuali azionisti verrebbero date azioni della nuova società in un concambio da definire, ma non di 1 a 1.

Secondo la fonte entrambe le soluzioni farebbero storcere il naso all'Unione Europea."

Ripeto: è ancora presto e comunque non sono in grado di dare giudizi obiettivi in merito.Ma ho la vaga impressione di poter immaginare su chi ricadranno i costi  della liquidazione della "bad company"

In generale il modus operandi del Governo mi porta alla mente il proverbio della nonna:
"presto e bene,raro avviene".

ps: chissà se il know-how dei parecchi "esuberi" ( che hanno nome,cognome e famiglia,non ce lo dimentichiamo) che pare verranno in gran parte dirottati, per rimanere in tema, sulle Poste, faranno volare le nostre missive come mai prima d'ora...

Ciao