.
Annunci online

aprigliocchisenonbasta

Addio pianisti, benvenuti direttori d'orchestra

diario 10/3/2009

Non è ancora operativo il sistema per bloccare la vergogna dei cosiddetti "pianisti" in parlamento, basato sul riconoscimento delle impronte digitali dei parlamentari, che Berlusconi propone il suo ennesimo colpo di genio democratico per aggirare l'ostacolo: "per velocizzare l'approvazione delle leggi mettere da parte le attuali procedure di voto di tutti i parlamentari per fare votare per tutti il solo capogruppo."

Neanche il tempo di farmi leggere l'articolo del giornale olandese de Volkskrant in cui si ironizza su questa squallida e costosa abitudine:

"Non si tratta in questo caso di apprezzati musicisti seduti dietro uno splendente pianoforte a coda nero, ma di rappresentanti del popolo imbroglioni e dal dito veloce. [...]I parlamentari italiani hanno allegramente partecipato al gioco sia da sinistra che da destra. Cosí facendo hanno non solo inquinato le votazioni, ma anche saccheggiato le casse dello Stato. I deputati ricevono infatti 220 euro ogni volta che partecipano a una votazione. Schiacciando il pulsante del compagno di partito, il pianista previene immediatamente la perdita di questo piccolo extra da parte del collega. [...] Da martedi’ i parlamentari possono votare solo se un computer ha prima riconosciuto le loro impronte digitali. Costo del provvedimento: 450mila euro."

E' tenero vedere come quest'ometto si arrabatti per avere tutto il potere nelle sue piccole mani, come un bimbo che smania per il suo giocattolo preferito.

Finchè non ci si ricorda che gioca con la democrazia.

Il nuovo libro di Vespa e le anticipazioni centellinate ad hoc. In attesa del 3 Ottobre.

diario 29/9/2008

Venerdì 3 Ottobre uscirà per Mondadori - RaiEri (l'accoppiata vincente) il nuovo libro di Bruno Vespa, "Viaggio in un'Italia diversa".

Stranamente, in questi giorni stanno uscendo, puntualmente comunicate alle agenzie di stampa e ai giornali, una serie di anticipazioni riguardanti piccoli estratti del libro, centellinate con eccezionale tempismo rispetto ai temi caldi che il governo si trova ad affrontare al momento.

Riporto la curiosa cronologia, basandomi su una semplice ricerca su Google News, a chiave "libro Vespa ottobre", ordinando i risultati per data di pubblicazione:

21-22 Settembre: anticipazioni delle interviste ai ministri Maroni, con particolare riferimento ai Centri di Identificazione ed espulsione e ai rapporti con la Libia) e qualche parola anche sui Rom; Gelmini, soprattutto sui tagli e su annunciati bonus ( forse 7000 € ) per i docenti migliori a partire dal 2010; Brunetta, che promette prossimamente un'una tantum da 150-170 € ai dipendenti pubblici per il ritardo sul contratto 2006-2007;

25 Settembre: anticipazione dell'intervista al ministro Alfano che vuole i magistrati in minoranza nel nuovo CSM e che racconta che si è trovato in vacanza nello stesso albergo della Gandus e che hanno parlato dello stato della giustizia in Italia;

27-28 Settembre: anticipazione dell'intervista a Berlusconi nella quale il premier critica aspramente le interferenze del PD nell'affare Alitalia e dice che se non era premier la comprava lui l'Alitalia;

29 Settembre, oggi: anticipazione dell'intervista a D'Alema che sostiene che in un compiuto sistema presidenziale ci vedrebbe bene Berlusconi Presidente.

E' infine delle ultime ore, casualmente proprio in concomitanza con la notizia sussurrata dell'eccezione d'incostituzionalità sollevata dal pm Fabio De Pasquale in riferimento al lodo Alfano, la comunicazione di un'ulteriore anticipazione dell'intervista al premier in cui loda il Lodo e accusa il magistrato Nicoletta Gandus che lo deve giudicare di essere un militante di sinistra estrema.
E sbuca anche qualche anticipazione di un'intervista a Fini

Mi pare probabile che continueranno fino al 3 Ottobre a trapelare anticipazioni ad hoc, magari seguite da un puntatone di Porta a Porta per pubblicizzare il libro il giorno dell'uscita nelle librerie, magari con splendidi ospiti per l'occasione, magari seguito da una pubblicità a tappeto nelle varie trasmissioni Rai -Mediaset con i ministri oggetto delle interviste ben sparpagliati qua e là a coprire tutte le fasce orarie da mane a sera....

O chissà, forse mi sbaglio.